Vai al contenuto principale
Icona card

Il progetto

In Italia e in altri Paesi dell’Unione esistono varie agevolazioni tariffarie, di servizi, di supporto per l’accesso a musei o luoghi di cultura, per le offerte per il tempo libero, per il trasporto.

Tuttavia le condizioni di accesso e gli iter da seguire sono piuttosto frammentati e difformi: ciò condiziona negativamente una agevole partecipazione dei Cittadini della UE in particolare quando viaggiano, per turismo, studio o lavoro, nell’Unione.

Il Progetto generale, quindi, punta non solo alla definizione – anche grafica – di una Disability Card uguale in tutti i Paesi, ma anche alla soluzione di varie sfide organizzative che presuppongono il coinvolgimento e l’adesione di vari attori istituzionali e non, cioè chi è coinvolto nelle politiche dei trasporti, della gestione del beni culturali e museali, ma anche del tempo libero e della cultura.

Sinergie e collaborazioni

Nella realizzazione del progetto sono coinvolti, a vario titolo e per varie competenze: il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, il Ministero dei Trasporti, la Presidenza del Consiglio, Dipartimento Affari Regionali, Autonomie e Sport; l’ANCI, La Conferenza delle Regioni, l’INPS, l’AGIS, l’ANEC, l’Assomusica.

Questi gli obiettivi del confronto e della collaborazione in corso: arrivare a criteri condivisi per la concessione della Disability Card (a chi spetta e come ottenerla), delineare l’assieme omogeneo di benefit per ambito, delineare e definire i percorsi per il rilascio (chi la rilascia, chi la stampa, come viene distribuita).

La situazione in Italia

Nel corso del 2016 è stata condotta una analisi a campione della situazione italiana sulle modalità e i criteri di concessione dei benefici negli ambiti dei trasporti, dell’accesso alle reti museali, ai luoghi di svago e tempo libero, agli eventi sportivi e di spettacolo, e al sistema dei trasporti. In sintesi: quali benefit e a chi spettano? È stato strutturato un sistema informatizzato di rilevazione ed elaborata una analisi dei dati che possono orientare nella scelta di criteri omogenei. La sintesi dell’analisi dei dati è scaricabile da questo sito.

Evento Finale

Su questi aspetti sono emersi molti elementi interessanti sui quali la FISH ha organizzato un evento aperto a tutti. “Disability Card, per un’Italia ed un’Europa accessibile” che si è tenuto a Roma il 22 dicembre 2017 presso la Sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri (ingresso Via Santa Maria in Via, 37).